14 febbraio 2013

Punto 8: creare strumenti di valore per tutti


E' impensabile immaginare che una cooperativa, specialmente se costituita da centinaia di persone, possa usare tutti gli stessi strumenti di produzione, ogni gruppo deve avere la libertà di scegliere quali sono gli strumenti più vicine alle sue esigenze o alle esigenze del singolo prodotto.


Tenendo ferma questa convizione, credo tuttavia che la cooperativa abbia il compito primario di  strutturare un modello condiviso di partecipazione ed operatività.

Per farlo c'è bisogno di
testare, aggregare e in alcuni casi probabilmente sviluppare strumenti che siano di supporto al lavoro, come tool di condivisione ed interscambio dei dati, comunicazione e revisione dei progetti.

Avere strumenti di questo genere è l'unico modo per sostenere un modello produttivo diffuso che ha come scoglio principale la difficoltà di mantenere la coerenza dei contenuti tra tutte le sedi operative ed un ragionevole tempismo operativo.


Io credo che sia compito della cooperativa trovare ed ottimizzare questi strumenti per sopperire alle esigenze comuni e, qualora ci sia la necessità di creare strumenti ad hoc, sviluppare software che guardi a tutti gli associati, che sia open source per poterne garantire la longevità e lo sviluppo ulteriore per chi dovesse avere esigenze di personalizzazione o implementazione ulteriori.